Giglioli Valle Gianna

Giovane sposa del tenente Angelo Valle, lo seguì fra i partigiani sul Col Moschin e poi sopra Camol.

Nel settembre del 1944 i nazifascisti, dopo aver trucidato 29 partigiani e militari alleati tra cui il giovane ufficiale, le proposero la deportazione in Germania e le lasciarono poche ore per una scelta drammatica che si concluse sul luogo del supplizio del marito, con una raffica di mitra sparata nel buio, alla luce dei fari di un’auto, a nascondere l’efferato e disumano delitto che colpiva lei e la creatura che portava in seno.

Contenuti correlati

Azioni sul documento

pubblicato il 2015/09/29 09:10:00 GMT+2 ultima modifica 2018-10-18T14:41:13+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina