Fano Clelia

Parma, 1865 – Reggio Emilia, 1940

Considerata come una delle pioniere del movimento di emancipazione femminile a Reggio Emilia, in grado di lasciare anche un'importante eredità culturale. Vissuta tra Otto e Novecento, la Fano fu una personalità di rilievo della vita intellettuale cittadina, segnalandosi per l'aspirazione ad una piena emancipazione da raggiungere attraverso l’impegno pedagogico e culturale, in particolare nel giornalismo e nel campo degli studi storici.

Nata nel 1865 a Parma ma reggiana d'adozione, la Fano legò il suo nome anzitutto all’istituto “Principessa di Napoli” (da cui deriva l'attuale liceo "Canossa") e di cui fu vice-preside dal 1900 al 1935. Ma oltre all’attività educativa la Fano si distinse per l'impegno a favore del movimento di emancipazione femminile a Reggio Emilia, partecipando al dibattito con scritti e conferenze sulla questione dell'educazione femminile all'inizio del Novecento.

Lo stretto rapporto tra cultura ed emancipazione femminile costituì il tratto specifico della riflessione della Fano. Accanto all’impegno diretto sulla questione femminile si dedicò ad un’intensa attività storiografica incentrata soprattutto sulla realtà locale.

Questo attivismo culturale gli valse nel 1913 l’ingresso nella deputazione di Storia Patria di Reggio Emilia, diventando così la prima donna ed entrare nel sodalizio che annoverava i nomi più autorevoli dell’intellettualità cittadina (da Andrea Balletti a Naborre Campanini).

Nel corso degli anni Trenta svolse importanti studi sul Risorgimento reggiano, portando a termine un’imponente trilogia che gli valse anche la segnalazione nel 1936 da parte della Reale Accademia d’Italia. Morì a Reggio nel 1940.

Azioni sul documento
Pubblicato il 29/09/2015 — ultima modifica 29/09/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali