Madre Teresa di Calcutta

Religiosa Skopje, 26.08.1910 / Calcutta, 05.09.1997

Al secolo Anjeza Gonxhe Bojaxhiu, è stata una religiosa albanese di fede cattolica. Nata in una famiglia benestante, all'età di otto anni perse il padre e la sua famiglia si trovò in gravi difficoltà finanziarie. A 18 anni, decise di prendere i voti entrando come aspirante nelle Dame Inglesi. Inviata nel 1929 in Irlanda a svolgere la prima parte del suo noviziato, nel 1931, dopo aver preso i voti e assunto il nome di Maria Teresa ispirandosi a Santa Teresa di Lisieux, partì per l'India per completare i suoi studi. Diventò insegnante presso il collegio cattolico di Saint Mary's High School di Entally, sobborgo di Calcutta, frequentato soprattutto dalle figlie dei coloni inglesi, e si distinse per le sue capacità organizzative, tanto che nel 1944 fu dichiarata direttrice.

L'incontro con la povertà drammatica della periferia di Calcutta la spinse ad una profonda riflessione interiore. Nel 1948 fu autorizzata dal Vaticano a vivere da sola nella periferia della metropoli, a condizione che continuasse la vita religiosa. Nel 1950 fonda la congregazione delle Missionarie della carità. Le prime aderenti furono dodici ragazze, tra cui alcune sue ex allieve alla Sant Mary. Stabilì come divisa un semplice sari bianco a strisce azzurre, che pare fu scelto perché era il più economico fra quelli in vendita in un piccolo negozio.

Nel 1952 si trasferì in un tempio indù abbandonato donatole dall'arcidiocesi di Calcutta che convertì nella Casa Kalighat per i morenti (poi chiamata Kalighat, casa dei puri di cuore: Nirmal Hriday). Continuò il suo lavoro fino a tarda età nonostante le precarie condizioni di salute.

Famosa in tutto il mondo, nel 1979 le è stato assegnato il Premio Nobel per la Pace e il 19 ottobre 2003 è stata proclamata beata da papa Giovanni Paolo II.

Azioni sul documento
Pubblicato il 29/09/2015 — ultima modifica 23/10/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali