Graziella Fava

Vittima di attentato terroristico Morta il 13.03.1979

Ha perso la vita, vittima inconsapevole, in un attentato terroristico ai danni della sede dell'Associazione Stampa dell'Emilia-Romagna. Due uomini e una donna, armati e mascherati, entrarono negli uffici di via San Giorgio a Bologna, sequestrarono un impiegato e un ospite, poi incendiarono la sede dei giornalisti. Il fumo invade anche l'appartamento al piano di sopra dove si trovavano una donna di 81 anni, sua figlia e la collaboratrice, Graziella Fava.

Madre e figlia furono salvate, Graziella Fava fu invece trovata morta, asfissiata, sul pianerottolo. L'attentato, seguito da altre due incursioni incendiarie alle abitazioni private di due cronisti bolognesi, fu rivendicato dalla sigla “Gatti selvaggi”.

I responsabili non sono mai stati identificati.

Contenuti correlati
Bologna - Graziella Fava
Azioni sul documento
Pubblicato il 29/09/2015 — ultima modifica 23/10/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali