Margotti Maria

Alfonsine1915 – 1949

Giovanissima, dopo la morte del padre, diventa mondina.

Partecipa attivamente alla resistenza e dopo la Liberazione, nel 1946 entra come operaia in una
fornace. Partecipa alle lotte sindacali per le sette ore di lavoro,il miglioramento del vitto, il rispetto della legge di collocamento,l'assistenza in caso di malattia.

La lotta raggiunge il culmine con lo sciopero bracciantile del 1949.

Il 16 maggio 1949, Maria Margotti, assieme ad altre donne, sta conducendo un'opera di dissuasione dei crumiri, quando interviene la polizia con un'azione di repressione particolarmente dura e violenta. Il giorno dopo viene organizzata una manifestazione di protesta.

Intervengono i carabinieri che,sparando contro i manifestanti uccidono a colpi di mitra Maria Margotti.

Contenuti correlati
Ravenna Margotti
Azioni sul documento
Pubblicato il 29/09/2015 — ultima modifica 23/10/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali