Cavallazzi Malvina

Ravenna 1851- 1924

Ballerina ravennate debuttò alla Scala a soli 23 anni, danzò anche al Metropolitan di New York.
Dotata di un talento artistico straordinariamente precoce, Malvina ha solo sette anni, quando riceve i suoi primi applausi dal pubblico. Studia danza e si esibisce in vari teatri del ravennate, finché si trasferisce a Milano per frequentare la scuola di ballo del teatro alla Scala. La grande occasione le si presenta con lo spettacolo Manon Lescaut in cui,nel 1875, interpreta il ruolo della protagonista; ruolo nel quale torna ad esibirsi durante la serata di gala in onore dell'imperatore Guglielmo I in visita di Stato in Italia. La celebrità raggiunta come prima ballerina della Scala le apre le porte del Metropolitan di New York, dove viene chiamata nel 1883, entrando così a far parte di quel nutrito gruppo di artiste che all'epoca lasciavano il nostro Paese, per tentare la fortuna sui palcoscenici stranieri.

Sposatasi con Charles Mapleson, l'impresario inglese della Her Majesty's Opera, si stabilisce negli Stati Uniti, perfezionando una tecnica ed uno stile d'impostazione tipicamente "americani".
Malvina esegue un vasto repertorio e in ogni opera le viene riservato un balletto capace di valorizzare quel suo modo di danzare che incanta i critici statunitensi. Compie innumerevoli tournées in America e in Inghilterra, ma nel suo cuore c'è sempre New York, e quando, ritiratasi dalle scene, le viene chiesto di assumere la direzione della nuova scuola di ballo del Metropolitan, Malvina ritorna con gioia a lavorare per il teatro che l'aveva tenuta a battesimo nel suo debutto internazionale.

Alla morte del marito rientra in Italia ed apre una scuola di danza a Ravenna per mettere a disposizione delle giovani allieve i mille segreti della sua eccezionale esperienza artistica, maturata sulle scene dei più grandi e prestigiosi teatri del mondo.

Azioni sul documento
Pubblicato il 29/09/2015 — ultima modifica 22/10/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali