Cabassa Enrichetta

Parma, 1916, Palanzano - 1945

Lavorava in una sartoria di Parma, in borgo del Carbone, che il titolare, Giovanni Cordani, aveva trasformato in un centro di smistamento della stampa antifascista. La giovane donna, che aveva il marito disperso in guerra, decise di impegnarsi nella Resistenza anche per contribuire alla conclusione del conflitto.

Le fu così affidato il compito di staffetta, al quale assolse egregiamente affiancando Ines Bedeschi e diventando punto di riferimento del Comando Nord-Emilia per mantenere i collegamenti con le varie formazioni partigiane. Quando i sospetti dei fascisti finirono per appuntarsi sulla Cabassa, la giovane sarta fu mandata in montagna ed inquadrata nella 143a Brigata Garibaldi "Aldo".

"Silvia", così era conosciuta nella Resistenza, si trovava a Palanzano, nei locali della Banca di risparmio di Parma occupati dal Comando di raggruppamento, quando fu investita dallo scoppio accidentale di una bomba. L'esplosione che uccise "Silvia", provocò anche la morte di due partigiani e di un falegname che stava lavorando nel locale.

Azioni sul documento
Contenuti correlati
Parma Cabassa
Azioni sul documento
Pubblicato il 08/10/2015 — ultima modifica 08/10/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali