Mazzini Maria Drago

Genova 1774-1852

Madre di Giuseppe. Figlia di un agiato mercante sposò, nel 1794, Giacomo Mazzini, giovane medico che ricoprì incarichi politici nel Repubblica giacobina di Genova (1797). Ebbe quattro figli, tutte femmine ad eccezione di Giuseppe, terzogenito, nato nel 1805, che seguì nelle traversie dell’estenuante lotta italiana, lo confortò, lo rinforzò – finanche economicamente – nei momenti di abbattimento e di delusione, incoraggiandolo e sostenendolo.

Rimane accanto al figlio anche quando il marito, deluso, lo allontanò dalla famiglia perché non approva le idee liberali di Giuseppe. Prese parte attivamente alla battaglia, divenendo la mediatrice degli ideali del figlio presso i liberali e il legame per le numerose adepte della Giovane Italia, alle quali assegna le mansioni da compiere nella lotta. Maria svolse anche il ruolo di segretaria di Giuseppe, operando ricerche per gli studi del figlio – necessari alla propaganda italiana.

Appoggiando l’opinione negativa di Giuseppe riguardo Napoleone II, si fece promotrice di un “boicottaggio” contro le merci francesi. Addolorata per la lontananza dal figlio, stremata per la continua sofferenza, Maria abbandonò la battaglia nel 1852 e a dimostrazione del suo operato la seguì fino al cimitero di Staglieno un corteo di quindicimila persone.

Azioni sul documento
Pubblicato il 29/09/2015 — ultima modifica 29/09/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali