Teresa Noce

Antifascista e attivista politica Torino, 29.07.1900 / Bologna, 22.01.1980

Di famiglia poverissima, abbandona la scuola prima ancora di aver conseguito la licenza elementare, per lavorare. Autodidatta, a 17 anni è assunta alla Fiat Brevetti come tornitrice; a 20 fonda, con altri ragazzi, il Circolo giovanile socialista torinese di Porta Palazzo, dove conosce il marito, Luigi Longo, allora studente di ingegneria. Nel 1923, redattrice de La voce della gioventù, ha già subito un arresto a Milano.

Nel 1926 espatria prima a Mosca, poi a Parigi, con frequenti puntate clandestine in Italia per organizzare la lotta antifascista. Nel 1936, dopo aver fondato a Parigi, con Xenia Sereni, il mensile Noi Donne, si trasferisce in Spagna dove, con il nome di battaglia di “Estella”, cura la pubblicazione de Il volontario della libertà, giornale degli italiani accorsi a combattere nelle Brigate internazionali, in difesa della legittima Repubblica spagnola. Rientrata in Francia, nel 1938 pubblica l'autobiografico Gioventù senza sole. Allo scoppio della Seconda guerra mondiale è internata nel campo di Rieucros. Viene liberata grazie all’intervento dei sovietici, ma non riesce a raggiungere i figli a Mosca a causa delle mutate alleanze militari.

Resta a Marsiglia dove dirige il MOI (l'organizzazione degli operai immigrati) e s'impegna nella lotta armata condotta contro i tedeschi e i collaborazionisti dai “Francs-tireurs-et-partisans”. Viene arrestata all'inizio del 1943 e, pur riuscendo a tenere nascosta la vera identità, è prima deportata nel lager di Ravensbrück, poi messa ai lavori forzati a Holleischen, in Cecoslovacchia. Una volta tornata in Italia, sarà tra le 21 donne dell'Assemblea costituente. Nel 1948 è eletta deputato e sarà la proponente di quella che, nell'agosto 1950, diventerà la legge 860 per la “Tutele fisica ed economica delle lavoratrici madri”, legge che diventerà la base della successiva legislazione sul lavoro femminile.

Dopo il divorzio da Longo, si allontana progressivamente dalla vita politica. Dal 1959 fa parte, per alcuni anni, del CNEL in rappresentanza della CGIL.

Contenuti correlati
Ravenna Tersa Noce
Azioni sul documento
Pubblicato il 29/09/2015 — ultima modifica 26/10/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali