Agostini Natalia e Manuela Gallon

Vittime della strage del 2 agosto 1980 1940 / 1980 - 1969 /1980

La loro vita si arresta tragicamente alla stazione di Bologna. Natalia Agostini in Gallon, operaia alla Ducati Elettronica, con il marito e la loro figlia Manuela stava aspettando il treno per Dobbiaco, meta delle vacanze estive della bambina.

I tre si trovano all’imbocco del sottopassaggio. La bomba esplode appena il marito si allontana per acquistare le sigarette.

Madre e figlia sono estratte dalle macerie in fin di vita, mentre il padre riporta lesioni di scarsa entità. Natalia spira di lì a pochi giorni, proprio mentre si celebrano i funerali della figlia.

 

http://www.stragi.it/

Azioni sul documento
Pubblicato il 29/09/2015 — ultima modifica 01/10/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali