Legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere: presentata la relazione alla clausola valutativa

Il documento, elaborato in un’ottica di gender mainstreaming, intende fare il punto e dare atto di quanto è stato fatto dalla Regione nel triennio 2015-2017 in attuazione della legge regionale n. 6/2014

Come la «Legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere», questa relazione affronta gli ambiti discriminatori della soggettività femminile nella società, traendo informazioni e dati da vari fronti, attraverso il coinvolgimento di tutte le Direzioni generali attraverso l’Area di integrazione del punto di vista di genere e valutazione del suo impatto sulle politiche regionali.

Il documento, elaborato in un’ottica di gender mainstreaming, intende fare il punto e dare atto di quanto è stato fatto dalla Regione nel triennio 2015-2017 in attuazione della legge regionale n. 6/2014, a partire dall’andamento del fenomeno della violenza di genere sul territorio regionale nelle sue varie manifestazioni e dal funzionamento della rete regionale integrata di prevenzione e contrasto.

La relazione, poi, pone sotto la sua lente diversi altri ambiti, da quello dell’occupazione femminile alla corretta rappresentazione della donna sui media, dal riequilibrio nella normativa elettorale alla cittadinanza di genere, dal rispetto delle differenze alla cooperazione internazionale, dalla conciliazione e condivisione delle responsabilità sociali e di cura alla salute e al benessere femminile. Un’ultima parte è dedicata all’ammontare delle risorse ed alla loro ripartizione per il finanziamento delle iniziative previste dalla legge ed alle criticità riscontrate.

Relazione alla clausola valutativa L.R. n. 6/2014 (pdf, 17.4 MB) «Legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere» (art. 43)

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/10/05 10:06:02 GMT+2 ultima modifica 2018-10-05T10:06:02+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina