Vittime della tratta, al via i corsi di formazione per gli operatori

Parte nel mese di ottobre, in tutta la regione, il corso in e-learning “La tratta degli esseri umani e i fenomeni di grave sfruttamento”

Uno strumento in più per contrastare la tratta di esseri umani. Parte nel mese di ottobre, in tutta la regione, il corso in e-learning  “La tratta degli esseri umani e i fenomeni di grave sfruttamento” rivolto alle principali categorie professionali che, nel corso della propria attività, possono entrare in contatto con vittime della tratta.
Operatori della Polizia municipale, agenti di Polizia di Stato, ispettori del lavoro e assistenti sociali dell’area immigrazione che si occupano di richiedenti asilo o minori non accompagnati saranno impegnati nei sette moduli di formazione obbligatoria previsti dal corso, per affrontare con competenza la pronta identificazione delle vittime di tratta, avviare le misure di assistenza previste dalla normativa nazionale, tutelare i diritti fondamentali di queste persone e contrastare le reti criminali che gravitano intorno al fenomeno. 

Il progetto formativo nasce in seguito al decreto legislativo n. 24 del 2014, con cui il Governo ha recepito la direttiva europea 2011/36 contro la tratta, e anticipa l’attuazione di misure di formazione previste dal primo Piano nazionale anti-tratta, che entrerà in vigore entro l’anno. Nel Piano, mirato a favorire e massimizzare le sinergie tra le varie amministrazioni centrali e territoriali impegnate nelle operazioni di tutela e assistenza delle vittime, si pone un’attenzione particolare al rafforzamento degli strumenti a disposizione dei diversi attori coinvolti (forze dell’ordine, autorità giudiziaria, Regioni ed enti locali, in collaborazione con soggetti privati del Terzo settore).
Il corso in e-learning, oltre a essere proposto ai partecipanti dei percorsi formativi territoriali organizzati da Regione e Comuni della rete “Oltre la Strada”,  resterà a disposizione di tutti gli enti e le associazioni della regione interessati, poiché entrerà a far parte del catalogo di SELF, il Sistema di e-learning federato per la PA (www.self-pa.net).
Moduli formativi e corso in modalità e-learning scaturiscono dal  progetto progetto TRUTH  (Training for Raising Awareness and Understandig about the Trafficking in Humans in Europe) finanziato dall’Unione europea (programma Life Long Learning – Leonardo da Vinci), a cui la Regione Emilia-Romagna ha partecipato come partner e che si è sviluppato dall’ottobre 2013 al settembre 2015.
Vittime di tratta nei flussi migratori dalla Libia
Per le istituzioni e gli enti impegnati in Italia dagli anni ‘90 nella lotta alla tratta di esseri umani e nella tutela delle vittime, i massicci flussi migratori non programmati provenienti dalla Libia rappresentano attualmente una sfida cruciale. Le reti criminali stanno infatti utilizzando questi flussi per introdurre in Italia donne, uomini e minori in condizioni di vulnerabilità, reclutate nei paesi di origine con la violenza o con l’inganno, per poi avviarli verso lo sfruttamento sessuale o lavorativo, all’accattonaggio forzato, o per costringerli a compiere attività illegali. Accolte insieme ai rifugiati e ai richiedenti asilo nelle strutture di accoglienza predisposte dalle Prefetture nelle diverse province, le vittime di tratta, se non identificate tempestivamente da parte di forze dell’ordine e operatori sociali, vengono immediatamente intercettate dalle reti dei trafficanti che ne hanno organizzato e seguito il viaggio.
Gli interventi della Regione Emilia-Romagna
Dal 1996 la Regione Emilia-Romagna combatte la tratta di esseri umani promuovendo il progetto “Oltre la strada”, sistema integrato di interventi socio-sanitari rivolti alla tutela e assistenza delle vittime, basato su una rete che comprende enti pubblici e soggetti privati del Terzo settore e che opera grazie alla collaborazione in ogni provincia tra le équipe territoriali e gli altri soggetti istituzionali che intervengono in materia. Nell’ambito del sistema “Oltre la Strada”, dagli anni ‘90 ad oggi, sono stati realizzati oltre 8.000 programmi individualizzati di assistenza rivolti a vittime di tratta e di grave sfruttamento, e il modello di intervento promosso dalla Regione si è affermato negli anni come un importante esempio a livello nazionale.

Azioni sul documento
Pubblicato il 06/10/2015 — ultima modifica 21/10/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali