Pari opportunità, Petitti: "Ecco gli obiettivi del nostro Piano regionale contro la violenza di genere"

La bozza del piano presentata questa mattina in commissione. Interventi per la prevenzione e la lotta alla violenza di genere e la promozione delle pari opportunità

Prevenzione, sostegno alle donne vittime di violenza, qualificazione e supporto alla rete di servizi e di aiuto, istituzione di un osservatorio regionale sul fenomeno, elenco dei centri antiviolenza e verifica dei risultati per essere più efficaci.

Questi i punti essenziali della bozza di “Piano regionale contro la violenza di genere”, presentato questa mattina in Commissione dall’assessore regionale alle Pari opportunità Emma Petitti.

Previsto dalla legge regionale 6/14, il Piano è stato elaborato da un gruppo di lavoro composto da rappresentanti di Comuni, delle Aziende sanitarie locali, del Terzo Settore qualificato (centri antiviolenza regionali) e da rappresentanti regionali.

“Puntiamo a rafforzare la rete di prevenzione, protezione e sostegno alle donne e a promuovere le pari opportunità”, ha sottolineato l’assessore Petitti. “Con il coinvolgimento di tutti i soggetti pubblici e privati che operano sul territorio intendiamo rafforzare le azioni già realizzate e prevederne anche di innovative, soprattutto nel campo fondamentale della formazione degli operatori e dell’educazione dei giovani”.

Punti qualificanti del piano sono il rafforzamento delle azioni di prevenzione e protezione delle donne che subiscono violenza; la valorizzazione e supporto ai programmi di intervento rivolti agli uomini autori di violenza.

Tra le novità, l'istituzione di un osservatorio regionale, in collaborazione con tutti i referenti territoriali, per allargare il sistema di raccolta e analisi dei dati a tutta la rete di sostegno e aiuto per le donne che subiscono violenza e la realizzazione di un aggiornato elenco dei centri regionali (sportelli, case rifugio e alloggi temporanei).

Il nuovo Piano regionale, che inizia in questo modo l’iter di condivisione e approvazione, entrerà in vigore nei primi mesi  del 2016.

Azioni sul documento
Pubblicato il 10/12/2015 — ultima modifica 10/12/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali