In Regione politiche attive concrete per la parità

L'impegno dell'assessora Emma Petitti nel corso della riunione con le assessore alle Pari opportunità dei Comuni capoluogo e sedi dei centri antiviolenza

“Vogliamo fare un salto di qualità nell’impegno politico e istituzionale per incidere di più nel tessuto sociale e per politiche più forti per le donne”. Così l’assessora regionale alle Pari opportunità Emma Petitti durante l’incontro con le assessore dei Comuni capoluogo e sedi dei centri antiviolenza, che si è svolto oggi a Bologna.

“Occorrono - ha detto Petitti riassumendo il tono degli interventi -  politiche attive concrete per la parità, contro la violenza, per la prevenzione e l’integrazione, a partire dal lavoro dove la necessità di intervento è sempre più urgente come dimostrano anche i dati diffusi ieri dalla Commissione europea e che, ad esempio, ci confermano che nell’Unione le donne guadagnano in media circa il 16% in meno degli uomini”.

Su questi temi “la Regione nel suo insieme è fortemente impegnata”, ha concluso l’assessora ricordando anche il lavoro avviato per “realizzare, in attuazione della legge regionale 6/2014, un piano regionale condiviso contro la violenza, che dia nuove risposte alle realtà del territorio e valorizzi al contempo ciò che già si fa mettendolo a sistema e a disposizione di tutta la regione”.

Azioni sul documento
Pubblicato il 03/11/2015 — ultima modifica 04/11/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali