Donne in carcere

Una ricerca-azione sulla detenzione presentata il 10 dicembre 2015, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell’uomo

 

L’indagine, realizzata nel corso del 2014, ha coinvolto 4 dei 5 istituti penitenziari della regione che ospitano donne (Bologna, Modena, Piacenza e Forlì) prende in esame, principalmente, due punti di vista sulla detenzione al femminile : quello degli operatori che lavorano in carcere (funzionari giuridici-pedagogici, polizia penitenziaria, direttori) e quello delle detenute. Sono 5 gli Istituti penitenziari della regione con sezioni femminili (Bologna, Modena, Piacenza, Reggio Emilia e Forlì) con un dato complessivo, al 2 dicembre 2015, di 123 donne detenute. Nel nostro Paese la percentuale di donne detenute sul totale della popolazione carceraria oscilla tra il 4 e il 5%. Il progetto di ricerca-azione promossa dalla Garante in collaborazione con l'Associazione Con...tatto di Forlì  indaga la condizione specifica delle donne detenute all’interno delle carceri della regione (quali sono le modalità di organizzazione delle sezioni femminili, le attività, il rapporto con gli operatori, le opportunità di incontro con i familiari e figli, le difficoltà di convivenza) per proporre modalità alternative o migliorative dell’esecuzione della pena.

 

La ricerca

Azioni sul documento
Pubblicato il 16/12/2015 — ultima modifica 16/12/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali