Mainstreaming di genere

Il Piano interno integrato

Il Piano è uno degli Strumenti con cui la Regione persegue lo sviluppo di politiche attente alle differenze di genere. La sua adozione richiede un approccio trasversale che prenda in considerazione l'equità di genere in tutte le politiche, in tutte le fasi e gli ambiti di un programma

Cosa fa la Regione

Uno degli strumenti con cui la Regione garantisce un’attenzione specifica   allo sviluppo di politiche attente alle differenze di genere è il Piano interno integrato delle azioni regionali in materia di pari opportunità. Il Piano è frutto del lavoro dell’Area di integrazione del punto di vista di genere e valutazione del suo impatto sulle politiche regionali e di un percorso  avviato nel 2006.

La scelta fatta dalla Regione implica l’adozione di un approccio ‘trasversale’ nelle politiche, approccio che deve prendere in considerazione il tema dell’equità di genere in tutte le fasi e in tutti gli ambiti settoriali di un programma e assume le diverse condizioni e i diversi bisogni di donne e uomini come utile parametro di verifica delle politiche e delle azioni secondo quanto indicato dall’Unione europea.

Il  terzo “Piano interno integrato delle azioni regionali in materia di pari opportunità di genere”  relativo al triennio 2014-2016  è stato approvato dalla Giunta con Deliberazione n. 629 del 12 maggio 2014, in continuità e con la stessa metodologia delle edizioni del Piano integrato relative ai trienni precedenti.

Ad oggi si sono realizzate 3 edizioni del Piano interno integrato:

Le edizioni precedenti:

Azioni sul documento
Pubblicato il 28/09/2015 — ultima modifica 28/09/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali