Discriminazioni di genere

Centro regionale contro le discriminazioni

Prevenzione, promozione e sostegno a progetti e azioni positive, rimozione delle condizioni di discriminazioni, monitoraggio del territorio. Sono gli ambiti di interventi del Centro regionale

Cosa fa la Regione

Il Centro regionale sulle discriminazioni si occupa di consulenza e orientamento, di prevenzione delle potenziali situazioni di disparità, di monitoraggio e di sostegno ai progetti e alle azioni volte a eliminare le condizioni di svantaggio.

Il Centro opera attraverso una rete di nodi e sportelli territoriali e agisce in 4 ambiti:

  • prevenzione, per impedire la nascita e il formarsi di comportamenti discriminatori e per far sì che il principio di parità di trattamento diventi patrimonio educativo e culturale di ogni singolo individuo; rientrano in questo ambito le campagne informative, gli incontri in ambito scolastico, le attività di sensibilizzazione e confronto con gli enti locali, il mondo non-profit e le parti sociali;
  • promozione e sostegno di progetti e azioni positive, con diffusione delle migliori pratiche, volte a eliminare le situazioni di svantaggio, favorire la promozione di accordi e/o protocolli innovativi tra soggetti diversi caratterizzati da un reciproca responsabilizzazione su questa materia, e sviluppare studi, ricerche, corsi di formazione e scambi con altri Paesi dell'Ue;
  • rimozione delle condizioni di discriminazione, intesa sia come possibilità di ridurre o superare comportamenti discriminatori conseguenti ad atti e norme non univocamente interpretabili, sia come possibilità di sanare una situazione caratterizzata da effetti pregiudizievoli già realizzatesi, tramite l’offerta di opportunità di sostegno, assistenza, orientamento e consulenza legale;
  • monitoraggio e verifica attraverso un lavoro di costante osservazione del fenomeno nel territorio regionale, collaborando con i soggetti istituzionali e del mondo associativo.

Il Centro è stato istituito con un protocollo d'intesa siglato il 26 gennaio 2007 in concomitanza con l'inizio dell'Anno europeo delle pari opportunità per tutti.

A chi rivolgersi

Centro regionale contro le discriminazioni

Direzione generale Sanità e politiche sociali - Servizio Politiche per l'accoglienza e l'integrazione sociale

viale Aldo Moro 21 - 40127 Bologna

tel: 051 527 7495 - 7073 - 7487
fax: 051 527 7074

Viviana Bussadori vbussadori@regione.emilia-romagna.it

Anna Paola Sanfelici asanfelici@regione.emilia-romagna.it

Miles Gualdi mgualdi@regione.emilia-romagna.it

 

Per approfondire

Norme e atti

Iniziative particolari

Pubblicazioni

Su questo argomento vedi anche...

Azioni sul documento
Pubblicato il 28/09/2015 — ultima modifica 28/09/2015

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali